Contatti

mercoledì 28 gennaio 2015

Cheesecake al torrone

Chi  di voi care amiche non ha qualche avanzo natalizio ancora in dispensa? Se vi avanza del torrone lo potete sminuzzare e preparare gustosi budini, semifreddi e gelati. Tritato al coltello, il torrone può diventare l'ingrediente principale dell'impasto per biscotti oppure di una deliziosa cheesecake. Oggi vi propongo un  modo alternativo e originale per gustare il torrone! 
Cheesecake al torrone
Ingredienti per 4 persone
200 gr di biscotti Mc Vitie's
25 gr di zucchero a velo
100 gr di burro
2 uova
110 di zucchero Eridania
1/2 bustina di vanillina
200 gr di formaggio fresco spalmabile
350 gr di panna fresca
un cucchiaio di succo di limone
30 gr di farina 00
120 gr di torrone duro
In un mixer tritiamo i biscotti con lo zucchero a velo e il burro fuso caldo. Mettiamo sul fondo di uno stampo di 24 cm di diametro il composto ottenuto e pressiamo leggermente. Non schiacciate troppo la base: in questo modo rimarrà friabile. Poi, potete usare anche stampi monoporzione, ma fate cuocere per 20 minuti a 160 gradi. Tritiamo grossolanamente il torrone e teniamo da parte



Montiamo leggermente i tuorli e lo zucchero. Aggiungiamo poi la vanillina, il formaggio fresco, la panna, il limone, la farina setacciata poco alla volta e, in ultimo, gli albumi montati a neve. Infine incorporiamo il torrone. Mettiamo il composto nello stampo e cuociamo in forno a 160 gradi per 25- 30 minuti. Terminata la cottura, facciamo raffreddare e sforniamo.





martedì 20 gennaio 2015

Lavanda di Toscana passione naturale

Che sia caldo che sia tiepido, la buona abitudine di fare un bagno, ha sempre provocato in me un beneficio di rilassamento della mente e del corpo. Un rituale benefico che ho in comune con gli antichi Romani! Almeno un paio di volte alla settimana, anziché optare sulla sempre e velocissima doccia, scelgo di fare dei rilassanti bagni caldi poiché quest'ultima rappresenta la cura migliore per ammorbidire a fondo la pelle, aprire i pori, eliminare le impurità e le sostanze tossiche presenti sulla pelle e che impediscono una buona traspirazione cutanea. Benefici fisici ma anche psichici che rappresentano un tocca sana sopratutto per coloro che soffrono di insonnia o per chi fa fatica ad addormentarsi. In questi mesi ho avuto il piacere di testare il Doccia Crema di Lavanda di Toscana e la Crema  Viso idratante alla lavanda e semi d'uva di Lavanda di Toscana arricchiti di oli essenziali di Lavanda Officinale, e ciò  ha rappresentato per me, una gradevole scoperta. La lavanda è una pianta officinale che ha, da sempre, caratterizzato il Chianti. La lavanda dell'azienda Lavanda di Toscana è coltivata sulle colline senesi grazie alla presenza di un terreno asciutto, esposto al sole e con un buon contenuto di calcare. Il raccolto viene effettuato tra l'ultima settimana di luglio e la prima settimana di agosto, a seconda del tempo e del clima. La distillazione avviene a corrente calda di vapore in una grande caldaia, dalla quale l'olio essenziale, insieme all'acqua, passa in una serpentina fredda per la spremitura. La lavanda, e in particolare, l'olio essenziale, è un elemento molto versatile, lo usavano gli antichi Romani alle Terme, è tutt'ora usato in medicina, in cosmesi, in cucina! Innumerevoli sono le sue proprietà; le più note sono che dona effetti calmanti, antisettici, antinfiammatorie, antispastiche, contro le scottature, digestive, balsamiche. Dalla passione per la lavanda e dalla voglia di rintrodurla in un territorio che da sempre l'ha ospitata, nasce Lavanda di Toscana 

Due sono le specie coltivate in Italia: la lavanda vera e il lavandino toscano. Dal raggruppamento di questi due fiori nasce la linea Lavanda di Toscana, costituita dagli oli essenziali ottenuti in corrente di vapore, e si raggruppa in cinque linee principali:
Il primo prodotto di cui vi vorrei parlare è il Doccia Crema di Lavanda di Toscana: si tratta di una doccia crema a base di oli essenziali e arricchito da un' avvolgente profumo di lavanda. Oltre a detergere la pelle, contiene proprietà antisettiche e di rilassamento. Ha una profumazione delicata ma incisiva allo stesso tempo e fa una schiuma di moderata entità, ponendo un pò di prodotto sulla spugnetta ho strofinato sul corpo in modo da far cospargere il doccia crema facilmente su tutto il corpo. Il flacone è costituito da 500 ml di prodotto ed è in plastica trasparente, da cui si denota il bellissimo colore viola acceso della lavanda. Il flacone è grande, ma molto pratico da portare sia fuori casa sia quando ci rechiamo in palestra, sia da usare in casa per la doccia o per il bagno. 


Il prodotto è privo di sls, parabeni, oli minerali, profumi sintetici e battericidi. Il flacone è interamente riciclabile. Sulla parte frontale, è incisa una etichetta bianca incorniciata da un delicato fondo di colore viola, ove è riportato il brand, il nome del prodotto e un disegno con in rilievo i fiori di lavanda. Sulla parte posteriore del prodotto vi è indicata l'etichetta PET, il nome dell'azienda incaricata del confezionamento denominata Vetrocap, il codice di riciclaggio che riporta il simbolo della PLASTICA, e un codice.




Il tappino dosatore è in plastica utilissimo per prelevare la quantità di doccia crema, con un gesto facile e veloce. Basta capovolgere delicatamente il flacone. Il forellino, molto largo, ne permette una facile fuoriuscita. 





Il Doccia Crema di Lavanda di Toscana, si presenta come una mousse cremosa e molto facile da risciacquare, costituita da un intenso color lavanda. Il profumo è intenso, non solo annusandolo dal flacone, ma continua anche durante tutta la doccia. Utilizzo ormai questa doccia crema da un bel pò e mi ha incuriosita, fin dal principio, il profumo della lavanda , non solo perché a me piace in modo particolare, ma sopratutto perché mi riporta alla mente di un viaggio fatto  a Marsiglia insieme a mio marito, ove è noto, è molto sviluppata la coltivazione della lavanda. La mia opinione è positiva trovo gradevole il suo profumo diafano e delicato, che mi ha procurato una piacevole freschezza alla pelle. Il prodotto non è aggressivo perché non ho avvertito nessun fastidio post doccia o bagno. Solitamente alcuni prodotti inefficaci, che ho avuto modo di testare, mi hanno procurato rossori, pruriti e secchezza della pelle ma il Doccia Crema di Lavanda di Toscana non mi ha procurato nulla, se non piacevoli sensazioni, e sono convinta che, usato costantemente, sia un vero e proprio trattamento di bellezza per la pelle di tutto il corpo.
Il mio rituale post Doccia Crema è continuato con l'applicazione della Crema Viso Lavanda Officinale e semi d'uva Lavanda di Toscana.


 La mia prima  conoscenza con questo prodotto è avvenuta con la conseguenza di un piccolo "incidente" di percorso. Mia figlia Giada di tre anni, incuriosita dal prodotto, mi si è avvicinata subito per sentirne l'odore e ... oplà .. il prodotto, essendo molto liquido, mi si è rovesciato un bel pò sui pantaloni! La curiosità è femmina ma la piccola Giada batte tutte! A parte questo e altri incidenti a cui siamo abituate noi blogger con prole al seguito, passo immediatamente a parlarvi del prodotto testato. La Crema Viso è formulata con materie prime naturali come l'olio essenziale di lavanda officinale ed estratto d'uva. Oltre a detergere la pelle, restituisce al sebo elasticità e morbidezza, sopratutto a quelle tipologie secche e devitalizzate. Usata  su tutti i tipi di pelle compresi gli anziani ed i bambini, è adatta a ogni stagione, aiuta a mantenere la pelle purificata, minimizzando al meglio le rughe, lasciando la pelle liscia e levigata. Si usa la mattina e la sera, facendo assorbire completamente il prodotto, attraverso dei movimenti circolari. Non avendo tanto tempo a disposizione la mattina, perché sono sempre presa da mille impegni, l'ho applicata solo la sera, prima di andare a riposare. L'ho applicata, come vi dicevo, dopo aver effettuato dei bagni caldi utilizzando il Doccia Crema alla Lavanda di Toscana. 


La quantità che uso è veramente scarsa e la pelle, a fine giornata, dopo il rituale del bagno caldo è veramente morbida. Gli ingredienti di questa crema sono qui elencate: aqua, glyceryl stearate se, glycerin, cera alba, helianthus annuus, seed oil, vitis vinifera seed oil, cetyl alcohol, olea europaea oil, lavandula officinalis chaix, lavandula hybrida oil, rosmarinus officinalis, leaf extract, benzyl alcohol dehydroacetic acid, limonene, linalcool, c.i. 42051

Le confezioni sono molto semplici , una confezione principale ossia quella in cui è contenuta la crema, è racchiusa a sua volta da una confezione di carta. Io vi descriverò brevemente la confezione in cui è contenuta la crema. Il barattolo è in plastica bianca, ed è avvolto da un adesivo viola che richiama il colore della lavanda. Applicata nel barattolino, troviamo un altro adesivo viola con su impresso il nome dell'azienda e del prodotto. Ruotando il barattolo, troviamo raffigurato nuovamente il nome dell'azienda e del prodotto, e di seguito gli ingredienti, la quantità del prodotto contenuto (50 ml) con la data di scadenza (12 mesi), l'inci, l'indirizzo dell'azienda con riferimento anche al sito dell'azienda, i simboli per riciclare il prodotto per la raccolta differenziata, il numero del lotto, il simbolo riportante la provenienza di prodotto italiano 100%. Il tappo a vite, una volta svuotato, rivela un sotto tappo fatto interamente di plastica, dotato di una linguetta che, sollevata, ne facilita la rimozione. Se devo riconoscere una piccola pecca direi che il tappo a vite scivola troppo facilmente, rischiando di far fuoriuscire un eccessiva quantità di prodotto. 


La crema è di color bianco latte, è molto liquida, morbida e soffice. Si assorbe facilmente, ed ha un profumo gradevole che non svanisce nel corso delle ore. La mia esperienza con questo secondo prodotto è più che positiva. Ho provato la crema, in questo periodo di freddo intenso, ora sarei curiosa di provarne ancora con la stagione primaverile, in quanto per ora, la crema non unge. Un'altra nota positiva è che questa crema si assorbe velocemente , e il dato è tanto significativo per me, che sono molto impegnata anche a fine giornata per assolvere a varie incombenze quali docce delle bambine, preparazione per la scuola per il giorno successivo, preparazione delle borse per svolgere gli sport che praticano le mie figlie, lavaggio dei dentini  ecc . E' impensabile per me dover aspettare i tempi di assorbimento di una crema media! 
E voi, care amiche, conoscete questo brand?
Se si , come vi siete trovate e quale prodotto avete testato?
Lasciatemi i vostri commenti (sono sempre graditi) !
Qui di seguito vi riporto i riferimenti aziendali
Sito
Azienda Agricola Casanova
Casanuova di Pietrafitta 23
53011 Castellina in Chianti (Si)
info@lavanditosca.com
(0039) 339-5486557

venerdì 2 gennaio 2015

Cipolle ripiene

La cipolla non serve solo a fare il soffritto ma rappresenta essa stessa l'ingrediente principale di una o più ricette. Oggi vi presento una ricetta ove protagonista è proprio la cipolla. Un piatto che può rappresentare un gustoso secondo piatto  oppure un contorno che ho  arricchito con il  formaggio Bergader Cremosissimo, un formaggio fatto con il miglior latte delle Alpi Bavaresi, completamente naturale, senza alcun additivo, senza lattosio e senza glutine.
Ingredienti per 4 persone
4 cipolle
60 gr di pancetta 
olio
pepe
Procedimento 
Lavate e sbucciate le cipolle, poi cuocetele a vapore per 10 minuti. Poggiatele su un tagliere. 
Tagliatele a metà e togliete gli anelli centrali.
Tagliate il formaggio Bergader Cremosissimo e la pancetta tagliata a dadini

Farcite le cipolle con il ripieno, poi posizionate le cipolle su una teglia ricoperta da carta forno, ed un filo di olio. Cuocete le cipolle ripieno in forno già caldo a 200' per 10 minuti. Servite accompagnando le cipolle con un pò di pepe



l/body